HomeContatti
Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica
Rimini Palacongressi 14-18 ottobre 2010

Venerdì 15 ottobre 2010, Ore 10,30
PalaCongressi - Rimini

Convegno
DALLA CITTÀ DELL’INDIVIDUO ALLA CITTÀ DELLA PERSONA
La convivenza civile non può esistere se non è pervasa da uno spirito particolare, da un’etica che è insieme fiducia reciproca, senso del bene comune, responsabilità, partecipazione; e questo spirito si costituisce solo attraverso un processo di “socializzazione” che prende le mosse dalla famiglia e continua negli altri ambiti sociali, in cui le istituzioni operino ispirandosi alla realizzazione di una vita giusta secondo alcuni principi fondamentali: la dignità e l’uguaglianza di ogni persona, la cura della diversità come ricchezza, la priorità del bene comune, il principio di sussidiarietà. Occorre riprendere coscienza che non può esistere una società di “individui”, perché il sociale umano si costituisce solo attraverso la co-operazione delle persone che in questo modo realizzano se stesse, mentre la modalità dell’agire individualistico parte dal presupposto che il bene individuale è opposto al bene comune o comunque le è estraneo. Cosa significano, quindi, oggi espressioni come: “convivenza civile”, “società”, “vita giusta”, “vita buona”?

Ore 10,30 – Apertura dei lavori

- Indirizzo di saluto del Presidente Nazionale 50&Più, Giorgio Re

Moderatore:
- Gabriele Sampaolo, Segretario generale 50&Più

Presentazione Rapporto Essere anziano Oggi: “La domanda di vita buona”
- Nadio Delai, direttore Ermeneia – Studi e strategie di sistema

Interventi:
- Maurizio Pallante, saggista
- Vasco Errani, presidente Regione Emilia Romagna
- Daniella Iannotta, filosofo
- Luigi Zoja, psichiatra


Venerdì 15 ottobre 2010, Ore 16,00
PalaCongressi - Rimini

DOVE POGGIA LA PACE
Incontro con Mons. Luigi Bettazzi


Venerdì 15 ottobre 2010, Ore 18,00
PalaCongressi - Rimini

Workshop
IL BRAND: nuovi strumenti di promozione


Sabato 16 ottobre 2010, Ore 10,00
PalaCongressi - Rimini

Tavola Rotonda
ANZIANI E MASS MEDIA
Può esistere una vita buona senza un’informazione buona? E quanto incide l’informazione nella vita delle persone e delle persone anziane in particolare che fanno spesso del mezzo televisivo l’unico strumento informativo? Come vengono decise le notizie da dare al pubblico e quali sono le condizioni per cui si può parlare di “informazione corretta”? In alcuni Paesi esiste una televisione dedicata agli anziani, in Italia quali sono i programmi pensati per il target degli Over 50? E inoltre, quale funzione per i senior può avere internet?

Ore 10,00 – Apertura dei lavori

Moderatore:
- Arnaldo Colasanti, scrittore, critico letterario

Interventi:
- Stefano Balassone, ideatore programmi TV, produttore
- Aldo Falivena, direttore mensile 50&Più
- Elisa Manna, responsabile politiche culturali Censis
- Vitalba Paesano, giornalista, fondatrice sito web www.grey-panthers.it


Sabato 16 ottobre 2010, Ore 15,30
PalaCongressi - Rimini

Tavola Rotonda
GLI OVER 50 NEL MONDO.
OLTRE LA CRISI: SPERANZE, PREOCCUPAZIONI, BUONE PRATICHE.

Ore 15,30 - Apertura dei lavori

Moderatore:
Barbara Cielo, General manager HySkill

Interventi:
- Liane den Haan, ANBO (Paesi Bassi)
- Bjarne Hastrup, DaneAge (Danimarca)
- Claudio Salmaso, 50&Più (Italia)
- Tulip Shah, AARP Global Network (Stati Uniti)
- Barbara Shipley, AARP Global Network (Stati Uniti)
- Sheilu Sreenivasan, Dignity Foundation (India)
- Jose Ramon Valenzuela, Caja Los Andes (Cile)
- Renske Van Kooij, ANBO (Paesi Bassi)
- Eric Vengroff, CARP (Canada)
- Holly Vengroff, CARP (Canada)


Sabato 16 ottobre 2010, Ore 17,30
PalaCongressi - Rimini

Workshop
50&Piu' e Assicurazioni Generali per la salute e
l'assistenza nell'età matura.


Domenica 17 ottobre 2010, Ore 10,00
Rimini, PalaCongressi

Tavola Rotonda
VITA BUONA, MONDO TECNOLOGICO E SCIENZA.
Beni di comfort e beni creativi
Se la vita buona è essenzialmente una vita di relazione e riconoscimento dell’ “altro” in quanto elemento essenziale alla possibilità di realizzarsi di ogni individuo, è anche vero che scienza e tecnologia mettono al servizio delle persone conoscenze, beni e opportunità capaci di modificarla profondamente. Quando la tecnologia diviene occasione per produrre beni di mercato che favoriscono esclusivamente il comfort essi si traducono, nella maggior parte dei casi, in generatori di noia e di pigrizia; quando la tecnologia si allea al mondo relazionale umano profondo contribuisce alla realizzazione della vita buona stimolando la creatività delle persone e la loro crescita in consapevolezza.

Ore 10,00 – Apertura dei lavori

Moderatore:
- Marco Fratoddi, direttore La nuova ecologia

Interventi:
- Carlo Gargiulo, medico, divulgatore scientifico
- Paolo Pecci, consigliere Acer Rimini
- Enrico Loccioni, presidente Gruppo Loccioni
- Massimo Palleschi, geriatra
- Elio Pecora, poeta


Domenica 17 ottobre 2010, Ore 15,30
Rimini, PalaCongressi

Workshop
50&PIÙ UNIVERSITÀ DELL’ESPERIENZA:
LA CULTURA PER LA VITA BUONA
Al workshop partecipano: responsabili, docenti e studenti delle sedi di 50&Più Università; dirigenti e responsabili di 50&Più Enasco delle province interessate a sviluppare attività universitarie o anche solo culturali; amici delle università della terza età con le quali 50&Più-Università intrattiene rapporti di collaborazione e scambio (impegnate nella ricerca sulla Memoria Collettiva, nei circuiti Unitre e Federuni, e simili).

Ore 15,30: Apertura dei lavori

Conduce l’incontro: Giada Valdannini, giornalista radiofonica

Interventi:
- Giuseppe Ecca, Presidente 50&Più Università
“Perché” questo incontro. Le premesse e gli obiettivi.

- Gabriele Sampaolo, Segretario generale 50&Più
La scelta strategica del Sistema 50&Più per un’azione culturale di respiro innovativo. Lo strumento di 50&Più Università.

Esperienze e proposte a confronto: fermenti fra tradizione, innovazione e creatività.

LA DIMENSIONE NAZIONALE (per essere soggetto culturale):
> La Memoria Collettiva: vent’anni di storia ritrovata;
> I viaggi di studio per l’interculturalità;
> Le sinergie istituzionali e la biblioteca comune dei laboratori locali.

LA DIMENSIONE TERRITORIALE (per essere servizio alla comunità):
Roma. Quattro lustri di evoluzione dall’Università della Terza Età verso l’Università dell’Esperienza.
Massa Carrara. Avamposto di una regione in cammino: la Toscana. Archeologia viva e riscoperta dei mestieri antichi.
Lucca. Le mura non chiudono gli orizzonti: dalla storia urbana al futuro della qualità di vita.
Livorno. Una caratteristica didattica unica: l’apertura dei corsi allo scambio continuo con i ragazzi anche in sede di lezioni d’aula.
Prato. L’attenzione sulla Memoria Locale.
Foggia. Siamo anche cittadini. Il grande tema delle responsabilità educative dell’età matura nei confronti di tutte le generazioni.
Caserta. Il localismo positivo nell’ambito della “ vita buona”.
Milano. Partendo da Verri e Beccaria, il filo conduttore del 150° dell’unità d’Italia. Con in mezzo letteratura e arte.
Reggio Calabria. Presa diretta su Cittadinanza, Costituzione, cultura della Legalità. Una prolusione che ha lasciato il segno. Poi, la Magna Grascia.
Catanzaro. I rapporti interculturali ed interetnici nella grande area del Mediterraneo.
Vibo Valentia. Beni culturali e benessere sociale da recuperare insieme.
Udine. Una modalità nuova: come ci si integra con altre esperienze del territorio creando vantaggi comuni.
Lecce. Si può scegliere di partire in sordina e sperimentare a tutto campo.

Sintesi degli interventi di Giada Valdannini.

Conclusioni:
Giuseppe Ecca. Dal magma vitale delle università della terza età all’approdo di una Università dell’Esperienza. La cultura che unisce le generazioni e dà anima alla società civile.


Domenica 17 ottobre 2010, Ore 16,30
Rimini, PalaCongressi

APPARTENERE ALL'UMANITA'
Incontro con il prof. Aldo Morrone (INMP)









Con il patrocionio di:



SPONSOR UFFICIALI

Rappresentanza
in Italia della
Commissione Europea
Comune di RiminI
Provincia di Rimini
Regione
Emilia Romagna